Quanto costa scalare il Kilimangiaro?

Questo post può contenere dei link affiliati, il che significa che se un acquisto è effettuato tramite questi, r&r.it riceverà una commissione a nessun costo extra per te. Leggi la policy completa per maggiori informazioni.

Una delle domande più comuni per chi vuole organizzare il viaggio perfetto in Tanzania è: quanto costa scalare il Kilimangiaro?

I prezzi per le scalate del Kilimangiaro variano notevolmente. Scalare il Kilimangiaro può costarti da 1’000$ a oltre 4’000$ e dipende da moltissimi fattori.

(Ci sono alcuni operatori che pubblicizzano scalate economiche sul Kilimanjaro che costano meno di 1’500$. Non andarci. In realtà, non scendere sotto i 2’000$, tra poco ti spiegherò il perché).

In questo articolo ti parlo del costo della tua scalata sul Kilimangiaro. Non include necessariamente il tuo alloggio prima e dopo, l’attrezzatura necessaria che probabilmente dovrai acquistare, le vaccinazioni, il volo, eccetera.

Quanto costa scalare il Kilimangiaro?

Scalare il Kilimangiaro non è una vacanza economica!

Ovviamente cerchiamo sempre di risparmiare denaro dove possibile. La tentazione è grande di andare a caccia dell’escursione sul Kilimangiaro più economica.

Non lo fare! Non iniziare la ricerca di un trekking sul Kilimangiaro guardando per prima costa il prezzo.

Se lo fai, potresti finire per pagarne le conseguenze, o qualcun altro potrebbe doverlo pagare per te.

Ogni anno sul Kilimangiaro muoiono tra i cinque e i dieci scalatori o portatori, per i motivi più disparati, ma spesso a causa delle scarse misure di sicurezza messe in atto dalle compagnie più economiche.

Inoltre, è stato davvero un ottimo investimento risparmiare dei soldi se poi non riesci ad arrivare in vetta?

Non credo proprio.

Pochi turisti sanno perché il costo della scalata del Kilimangiaro è così alto e come fanno gli operatori per tenere bassi i prezzi. Diamo un’occhiata a dove vanno effettivamente i tuoi soldi, per cosa paghi e perché.

Preventivo scalata Kilimangiaro

Per tutte le ragioni che leggerai in questo articolo mi sono affidato a Follow Alice per l’organizzazione di questo viaggio. Ne sono rimasto così contento che ho deciso di diventarne partner e di sponsorizzare i suoi viaggi. Se vuoi uno sconto di 100$ sul tuo trekking sul Kilimangiaro, chiedi loro un preventivo gratuito a questo link!

Costo scalata Kilimangiaro

Diverse centinaia di operatori turistici competono per essere la scelta degli scalatori che vogliono affrontare la montagna più alta d’Africa, il che ha portato a una guerra dei prezzi nociva per tutti.

Potresti pensare che è una cosa positiva per te, dal momento che pagherai meno.

Certo, questo è uno dei risultati. Ma se gli operatori abbassano i prezzi, devono anche tagliare le spese per rimanere competitivi.

Se hai qualche consiglio utile per gli altri lettori, non esitare a scriverlo qui!

Le tasse del parco

Le costose tasse del Parco Nazionale del Kilimangiaro sono qualcosa che nessuno può cambiare. Per un trekking di sei giorni e cinque notti in campeggio, pagherai circa 800$ solo di tasse!

Per spiegarti meglio, ecco le tasse giornaliere per il Parco Nazionale del Kilimangiaro:

  • Permesso di entrata: 60$
  • Permesso di campeggio: 60$
  • Tassa per il soccorso: 20$

Come vedi, siamo già a 140$ al giorno solo per il privilegio di essere sulla montagna.

Quindi dove possono risparmiare gli operatori?

Il percorso scelto

Ovviamente meno giorni trascorsi in montagna, minore sarà la spesa. Questo perché più tempo trascorri in salita, più alto è il salario dell’equipaggio che si occupa del tuo gruppo. Significa anche più soldi per il cibo e altre forniture.

Ma quando sei impegnato in una spedizione come scalare il Kilimangiaro, ti consiglio di non cercare di tagliare i costi ovunque. Dovresti essere attento alle questioni che potrebbero influire sulla tua salute e sicurezza, sul tuo godimento del viaggio (molti di noi riusciranno a fare questa impresa epica solo una volta nella vita) e sulle tue possibilità di riuscire a scalare la montagna.

Non tutti quelli che scalano il Kilimangiaro raggiungono la cima, di solito perché sviluppano sintomi di mal di montagna acuto (AMS) e devono scendere. I sintomi dell’AMS includono nausea, vertigini e mal di testa.

Una delle ragioni principali per sviluppare l’AMS è non fornire al corpo abbastanza tempo per acclimatarsi. Un giorno in più di a camminare in altitudine e a dormire più in basso potrebbe essere tutto ciò che serve perché la tua scalata abbia successo, quindi ti consiglio vivamente di pensarci attentamente prima di optare per l’escursione più breve solo per risparmiare denaro.

Eccoti una lista di tutte le vie per il Kilimangiaro, con i loro pro e contro

Il costo del personale

Le prime spese che gli operatori economici del Kilimangiaro taglieranno sono quelle del personale. E non sto parlando dell’adorabile signora in ufficio che prende la tua prenotazione. Sto parlando dei facchini, coloro che trasportano i tuoi effetti personali, la tenda, il bagno, il cibo e tutto ciò di cui hai bisogno durante l’ascesa del Kilimangiaro.

Vuoi prenotare una scalata economica del Kilimangiaro? I soldi che risparmi vengono direttamente dalle tasche dei tuoi facchini del Kilimangiaro e il salario non è l’unico taglio ai costi che li tocca da vicino.

Naturalmente, anche tutto il resto del personale che ti accompagna in una spedizione economica viene pagato meno e trattato con meno rispetto. Pochi membri del gruppo che ti accompagna durante la salita del Kilimangiaro hanno un’occupazione stabile o almeno affidabile. La maggior parte di loro si arrangiano.

Se qualcuno non riceve una paga decente, non viene apprezzato e non ha idea per chi lavorerà la prossima volta, come pensi che influenzi la sua motivazione? Quanto gli importerà se raggiungerai la vetta o no? E se ti piace l’esperienza o no?

Inoltre, la tua sicurezza dipende da quante guide e assistenti guide ci sono nel tuo team e da quanto sono ben addestrati dall’azienda.

Spero che tu possa scalare il Kilimangiaro con il bel tempo e senza complicazioni. Ma se le cose diventano complicate, l’unica cosa di cui vuoi essere sicuro è che la tua guida del Kilimangiaro sia una delle migliori!

Eccoti una lista minima di chi ti accompagnerà fino alla vetta:

  • La guida-leader (una per gruppo) – Prenderà tutte le decisioni importanti per la tua sicurezza e per arrivare in cima. Saprà anche dare una risposta a tutte (o quasi) le domande che avrai.
  • Gli assistenti della guida (uno ogni due o tre escursionisti) – Oltre a supportare la guida principale, saranno loro che ti motiveranno fino alla vetta, soprattutto l’ultimo giorno.
  • Il cuoco (uno per gruppo) – Cucina e lava i piatti. Scoprirai nei prossimi paragrafi perché un buon cuoco è fondamentale durante la scalata.
  • I portatori (tre per escursionista) – Portano la tua attrezzatura, preparano e smontano il campo ogni sera e ogni mattina. E lavorano molto duramente!

Mancia al personale

Dare la mancia al personale di supporto del Kilimanjaro non è obbligatorio, ma è la consuetudine. In effetti, la mancia sul Kilimangiaro è una tradizione. Ti consiglio di rispettare questa usanza, poiché non solo costituisce una componente importante del reddito del personale, ma probabilmente ti sentirai piuttosto a disagio durante la cerimonia della mancia se sei l’unico alpinista a non dare nulla.

E sì, hai letto bene: c’è una cerimonia della mancia alla fine di ogni scalata del Kilimangiaro! È molto divertente, ci sono canti e balli ed è un ottimo momento per celebrare collettivamente la tua avventura e mostrare gratitudine per l’incredibile supporto offerto dalla tua squadra di arrampicata.

Quanto lasciare di mancia?

Ti consiglio di lasciare una cifra tra i 250$ e i 300$ per l’intero equipaggio. Se a prima vista sembra una grande quantità, ricorda che la dividerai tra tutto il team. Inoltre, non sottovalutare quanto siano importanti queste persone per la tua scalata: lavorano così duramente, sorridono sempre mentre lo fanno, ti incoraggiano quando ti senti stanco e demotivato e molto altro ancora. Sono sicuro che alla fine del viaggio sul Kilimangiaro sarai convinto di come quei soldi sono più che meritati!

Le mance si lasciano normalmente in dollari americani o euro, quindi non dovrai cambiarli in scellini. Solo un paio di note però: assicurati che le banconote siano in buone condizioni, senza strappi e troppe pieghe, altrimenti la squadra potrebbe avere problemi a cambiarle.

Inoltre, se si porti i dollari, solo le banconote prodotte dopo il 2006 hanno valore in Tanzania. Se vieni da un paese con un’altra valuta, trova il modo di recuperare degli scellini prima della cerimonia della mancia.

Sicurezza

Ogni anno ci sono da cinque a dieci vittime sul Kilimangiaro. Questo è un numero sconvolgente in quanto facilmente portabile a zero. Con l’addestramento e le attrezzature di sicurezza giuste, nessuno dovrebbe perdere la vita mentre è impegnato in questa avventura. Ma purtroppo alcuni operatori economici tagliano i costi rinunciando alla formazione del personale in pronto soccorso.

Alcuni tour operator economici cercano anche di risparmiare qualche soldo non acquistando o non monitorando le condizioni di importanti attrezzature di sicurezza. Quanto è stupido che la tua scalata finisca perché la tua guida non può offrirti l’ossigeno necessario o riparare il tuo taglio?

Una compagnia che si rispetti monitora la tua salute ogni giorno e consente un acclimatamento extra se necessario. Le guide alpine inesperte a volte spingono i loro gruppi quando un giorno in più di acclimatazione è in realtà tutto ciò che è necessario per aiutare le persone con sintomi di altitudine ad adattarsi e completare così con successo la scalata.

Costi nascosti

Un trucco di alcuni operatori per rendere le scalate del Kilimangiaro apparentemente a buon mercato è quello di non includere tutti i costi alla stesura del contratto. Leggi attentamente cosa è incluso in una salita quando confronti i prezzi e fai attenzione a quello che manca, non vorrai trovarti a discutere a 5’000 metri di altitudine di costi che non erano inclusi.

kilimangiaro scalata cosa portare

L’attrezzatura

Un altro modo per ridurre i costi è risparmiare sulle attrezzature e sul cibo. Due cose su cui non dovresti assolutamente lesinare!

Non si tratta di fare i duri e mostrare che si è in grado di fare la vita da montagna. Si tratta di arrivare in vetta o no. Se non riesci a dormire la notte perché hai freddo e hai mangiato da schifo, non ce la farai a raggiungere la vetta.

L’attrezzatura di qualità che ti tiene caldo e asciutto anche nelle condizioni meteorologiche peggiori costa denaro (ho parlato dell’attrezzatura necessaria per il Kilimangiaro in questo articolo). E ci sono tante altre attrezzature per la cucina, la tenda mensa e altro, che gli operatori economici potrebbero lasciare a valle per tagliare i costi. Rende il trekking sul Kilimangiaro fisicamente più difficile per te e diminuisce le tue possibilità di raggiungere la vetta.

Il cibo

Il costo del cibo su una scalata del Kilimangiaro non è alto. Il cibo può essere acquistato a buon mercato in Tanzania. Ma portare cibo su per la montagna costa denaro. Quindi la roba fresca di qualità, la frutta e la verdura, sono le prime ad essere tagliate dalla lista della spesa di un operatore economico.

Hai bisogno di cibo di qualità che ti sostenga per i sette o più giorni di camminata in ogni condizione climatica che ti aspettano. Deve essere ricco di liquidi e ricco di carboidrati, soprattutto quando sei in quota.

E deve avere un buon sapore o non avrai appetito. La perdita di appetito è uno dei sintomi dell’altitudine. Ma devi mangiare o non arriverai in cima! Quindi è meglio che il cibo sia fresco e anche buono.

Non sorprenderti se ti ritrovi con un brutto caso di diarrea del viaggiatore se prenoti la tua scalata con un operatore economico. Succede molto facilmente e di certo non aumenta le tue possibilità di arrivare vetta.

L’ambiente

E la spazzatura? Pensi che un operatore economico spenderà soldi per assicurarsi che tutto venga riportato giù dalla montagna? O spendere volontariamente soldi per avere degli addetti alla pulizia? Aspetta solo di vedere i sentieri e i campeggi più affollati sulla montagna.

Il rispetto dell’ambiente, fondamentale sempre e soprattutto in questo tipo d’esperienza, costa denaro.

Conclusione: la prenotazione perfetta!

Ci sono mille piccole cose in cui un operatore economico può tagliare e risparmiare denaro. Ne ho menzionate solo una parte, la maggior parte non le noterai nemmeno durante il tuo viaggio sul Kilimangiaro. Sono tante piccole cose, ma messe insieme fanno una grande differenza dal punto di vista della sicurezza e del successo, ma fanno anche lievitare il prezzo.

Ciò che ne consegue è che le tue possibilità di raggiungere la vetta e le tue possibilità di tornare indietro vivo aumentano e diminuiscono con il costo della scalata del Kilimangiaro.

Devi prenotare una salita che è gestita da alpinisti, persone che capiscono la montagna, che capiscono i rischi e sanno gestirli. Persone che si prendono cura di te, del loro staff e della montagna.

Non troverai tutto ciò per 1’200$. In effetti, non li troverai per meno di 2’000$. Per un’esperienza di sette giorni, prenotata in anticipo, quello è il prezzo minimo che devi prendere in considerazione. E già starai sacrificando alcune cose molto importanti: per esempio sarai in un gruppo più numeroso o non affronterai la montagna da uno dei suoi percorsi più scenici).

Le scalate del Kilimangiaro più economiche hanno senza dubbio tagliato su dei costi molto importanti. Ma non tutte le ascese superiori oltre i 2’000$ sono sinonimo di sicurezza e qualità! Faresti meglio a fare qualche ricerca approfondita se vuoi prenotare in quella fascia!

Oppure puoi affidarti a Follow Alice, il mio tour operator preferito (che ti offre anche 100$ di sconto se prenoti tramite quel link)!

Ci sono altri fattori che determinano il costo finale della scalata del Kilimangiaro e che ti permettono di risparmiare.

Più grande è il gruppo di arrampicata, minore è il prezzo a persona. Ci sono operatori che organizzano gruppi di più di 20 persone. Aggiungici almeno due facchini a persona, cuochi, assistenti guide e aiuto-guide, e avrai un intero esercito che si arrampica sulla montagna! Il mio consiglio è di spendere qualche dollaro in più, ma di vivere un’esperienza indimenticabile.

Una salita privata con due persone è molto costosa, ma un gruppo fino a dodici persone è piacevole e ancora conveniente. Almeno questa è la mia esperienza.

Un altro fattore che influenzerà il costo complessivo è il percorso che scegli: i percorsi più panoramici e meno affollati sono più costosi. Te ne ho già parlato nell’articolo sulle vie per l’ascesa del Kilimangiaro. Quindi 2’000% potrebbe essere una cifra decente per la Marangu Route, ma non sulla Lemosho Route, la mia preferita.

Infine, ma non meno importante, prenotare dall’estero è un po’ più costoso di prenotare quando arrivi lì. Ma hai la certezza di sapere che il tuo trekking partirà davvero equando, hai il tempo per fare ricerche e assicurarti di essere con un operatore responsabile (ti ho già consigliato Follow Alice?).

Se decidi di prenotare una volta sul posto, considera i costi di alloggio che aumenteranno mentre cerchi di organizzare tutto e trovare un posto disponibile in gruppo con una compagnia affidabile e sicura.

Proprio per questi motivi circa il 90% degli scalatori del Kilimangiaro prenota dall’estero.

Mario M.

Mario M.

Cooperante: ho vissuto e lavorato in crisi umanitarie per tanti anni e in molti contesti differenti. Scrittore: blog e altri racconti sono i miei passatempi durante le missioni. Viaggiatore: mi piace esplorare mete meno conosciute, ma questo lo puoi vedere già da questo blog.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo di restandrecuperation.it

Cosa trovi su r&r.it?

Newsletter